Fascinazioni

Franco Loi

Currevi a full ne l’ansia dent al vö
de questa vita sensa remissiun 
nel penser del nagott del nost imbröj, 
che nüm sèm sensa corp, sensa cujun 
nel savè de vèss strasc, scarp de trà via… 

Me sun fermâ e û schisciâ ’l bügnum:
l’è cambiâ ’l vent, û fâ scapà l’arpia…
Û ’ist per tèra un seller, l’era un mund!
e gh’era ’l sû, i piant, ’na galaria
de facc che nel passà eren pü scund…

Piueva sü Milan e dré de l’aria
saltava ’na mia vöja de cantà.
Sù no perchè, sù mai cus’è che svaria
quand el nagott se volta int un parlà.
Nel mè dervì l’umbrell û camenâ
’n’ altra Milan tra gent che sa vardà.

Correvo pieno d’ansia dentro il vuoto
di questa vita senza remissione
nel pensiero del niente del nostro imbroglio,
ché noi siamo senza corpo, senza coglioni
nella coscienza di essere stracci, scarpe da gettar via…

Mi sono fermato e ho schiacciato il bubbone:
è cambiato il vento, ho fatto scappare il malumore…
Ho visto per terra un sedano, era un mondo!
e c’era il sole, le piante, una galleria
di facce che nel passare non erano più nascoste…

Pioveva su Milano e dietro l’aria
saltava una mia voglia di cantare.
Non so perché, non so mai cosa succede
quando il niente si trasforma in una parola.
Nel mio aprire l’ombrello ho camminato
un’altra Milano tra gente che sa guardare.

*

L’è fals el spegg e falsa la mia faccia
che fals l’è ’l nost vardà, fals el penser
che buffa sura el veder la mia faccia…

Ghe parla al cör la vita e nüm ghe vèm
dumâ cunt i penser e cun la bucca…

Me part el trenu e mì me streng un cren
per quèla tusa che nel piang me tucca
de là del veder nel fecc de la stassiun…

Chi sèm dunca? sé fèm? cusa ghe branca?
Buffa un quajcòss e a nüm trèma el firun.

Ah, nèbia de stassiun, radio che piöv
citâ e treni al curr d’in tra i vagun,
nel vardà el veder un quajvün se möv
e mì me par cun lü de lassà el mund.

È falso lo specchio e falsa la mia faccia
ché falso è il nostro sguardo, falso il pensiero
che soffia sopra il vetro la mia faccia…

Chi parla al cuore la vita e noi ci passiamo
soltanto con i pensieri e con la bocca…

Mi parte il treno e a me mi stringe un amaro
per quella ragazza che nel piangere mi tocca
di là dal vetro nel freddo della stazione…

Chi siamo dunque? cosa facciamo? cosa ci coglie?
Soffia qualcosa e a noi trema la schiena.

Ah, nebbia di stazione, radio che piove
città e treni al correre tra i vagoni,
nel guardare il vetro qualcuno si muove
e a me pare con lui di lasciare il mondo.

*

La va sü e giò la man a tastà el legn,
a tuccà i fil che runzen del sugnâ,
e l’umìn magher par sia lì a cercà
quèl che nel vìv un dì l’à sbandunâ…

Se scappa via de chì cume a vèss matt,
là, via, cuntent, nel vent, per mai turnà…
…se va in de per nüm in mezz aj gent…
e lé la vula bèla aj ref de l’aria
e dumâ l’angel ghe tègn el fiâ nel vent…

Ah umìn magher che stremìss ne l’aria
te sònet la paüra del pensà,
nüm chì sèm liber ’m’ i cucaj che a l’aria
volten el scür del mar nel sò vulà.

Va su e giù la mano a tastare il legno,
a toccare i fili che ronzano del già sognato,
e l’omino magro sembra lì a cercare
ciò che nel vivere un giorno l’ha abbandonato…

Si scappa via di qui come dei matti,
là, via, contenti, nel vento, per mai tornare…
…si cammina per conto nostro in mezzo alla gente…
e lei vola bella al filo dell’aria
e soltanto l’angelo gli tiene il fiato nel vento…

Ah omino magro che striminzito nell’aria
suoni la paura del pensare,
noi qui siamo liberi come i gabbiani che nell’aria
si stravolgono al buio del mare nel loro volare.

F. Loi, ’a camàsce, anno III n.3 2003.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *