Lingua viva

Alfonso Guida

  

SONETTO PER LA MORTE DI MARIELLA MEHR 

 

Parlavi di lupi, di ghiacci e intanto 
suonava il tamburo di creta al circo 
del nano di Gunther Grass. Ti ho pensata 
sbalzata a una severa fissità 
da un altro tempo che avrebbe ammucchiato, 
come stelle o fieno, i padri della Rus’, 
spaventati a vita, fermi nell’urlo, 
la paralisi di Orfeo, il continuo eco
delle morti che la storia tramanda
dove ogni voce si fa nostra e svolge
come tema l’esistenza al confine.
Parlavi del suicidio che scomunica
l’ebreo e rattoppavi la mantella
dell’esilio, in attesa di notizie.

* Sonetto in endecasillabi sciolti

 
 
 
 
 
Inviato dal mio Galaxy
 

One thought on “Alfonso Guida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *